Go to Top

20 Maggio ore 21.00 Pentagramma di Sogni

Pentagramma jpg

PENTAGRAMMA DI SOGNI
Concerto poetico
Progetto Musiche | Live electronics Patrizia Mattioli
Canto Alessia Galeotti
Voce e Azione scenica Sandra Soncini

La Rassegna Auris in collaborazione con l’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Noceto si conclude con il terzo appuntamento Pentagramma di Sogni - Concerto Poetico
Il pentagramma musicale è composto da cinque linee parallele e quattro spazi che intercorrono tra le linee sul quale si scrivono le note. All'interno di questa struttura avremo una composizione musicale dell'inconscio, i suoni accordano e contrastano i sogni. Frequenze sonore che si incrociano, radio fantastiche, frammenti poetici che si infrangono in canti sognanti senza tempo.

La poetessa Alda Merini ha scritto che il grado di libertà di un uomo si misura dalla grandezza dei suoi sogni; il nostro sogno diventa una scatola sonora che dal profondo degli ingranaggi si armonizza verso spazi di libertà.

Il canto di Alessia Galeotti è pura voce a volte senza parole come una sorta di evocazione antica, rituale, a volte nei frammenti della poetessa Alda Merini crea con la musica una canzone poetica. Le ultime struggenti frasi di Desdemona di Shakespeare dell’attrice Sandra Soncini sono canto melodico e pulsioni ipnotiche.

Ingresso gratuito ore 21.00
Centro Polifunzionale Museo della Tipografia Fernando Libassi - Via
Ignazio Silone - 43015 Noceto PR

RADIO CUPIDO 12.12 – Europa Teatri 13|14 Maggio Ore 21.15

IMG_4282 copia_Fotor

RADIO CUPIDO 12.12 - Europa Teatri 13|14 Maggio
iberamente tratto da La Dodicesima Notte di William Shakespeare
Esito Laboratorio di Teatro/Musica II Livello
condotto da Ilaria Gerbella e Patrizia Mattioli
con :Elke Fernandez,Federica Fornari, Andrea Friggeri, Michele Gianferrari, Federica Mori, Monica Munno, Paola Noberini, Michele Putintev, Cosimo Urso, Antonio Zaccagnino, Giorgia Zanella
musiche originali Patrizia Mattioli
ensemble barocco Le Vipere Gentili
Federica Catania violino
Sarah Pelosi violino
Elena Bacchini viola da gamba
disegno luci Lucia Manghi
Incursioni
canto Alessia Galeotti
filosofia Luisa Rosa
Quest'anno il nostro percorso di ricerca laboratoriale si conclude con il progetto biennale sulla commedia shakespeariana La Dodicesima Notte. Musica, canzoni, intrighi d’amore en travesti hanno uno svolgimento agrodolce, la follia percorre la piece , come in un carnevale dove tutti sono trascinati in una danza di mascheramenti. La Dodicesima Notte (The Twelfth Night) è stata considerata la commedia più perfetta e affascinante fra le opere teatrali di Shakespeare. I romantici apprezzarono la musica e l'aspetto surreale nella commedia. Sintonizzandosi sull’emittente Radio Cupido è possibile ascoltare annunci di follie e di divertissement…. La sua frequenza si accorda con il corto-circuito amoroso degli attori tessendo trame legate al timbro musicale dell'Ensemble Barocco Le Vipere Gentili e la musica composta per la pièce. La messa in scena è un gioco di luci, ombre e imprevedibili romantici Cupidi.
L’unicità di Shakespeare consiste nel fatto che, mentre ogni nuova messa in scena è obbligata a trovare una propria dimensione e una propria forma, le parole scritte non appartengono al passato. Sono fonti in grado di creare e abitare qualsiasi nuova forma.
Non c’è limite a ciò che possiamo trovare in Shakespeare.

Se la musica è nutrimento all'amore, suonate ancora e ,
datemene in abbondanza così che, essendone saziato,
il mio appetito se ne ammali, e se ne muoia.
William Shakespeare

INFO e prenotazioni 0521243377 - europateatri.pr@gmail.com - www.europateatri.it

Foto : Paola Saletta

10 Maggio – Meeting Adolescenti Bellezza, rapimento autentico

10 Maggio - Meeting Adolescenti Bellezza, rapimento autentico Teatro al Parco ore 20.30
Concept/ drammaturgia: Lucia Nicolussi Perego.
Coreografie: Chiara Montalbani, Manfredi Perego, Lucia Nicolussi Perego.
Musiche originali composte dal vivo: PAtrizia Mattioli.
ibera la bellezza, e sorprende la percezione dei giovani interrogati da questa domanda di come la bellezza primaria sia da ricercare nel rapporto intimo con tutti quegli aspetti della vita che li fanno stare bene.
La bellezza liberata coincide con uno stato d'animo corrispondente al benessere, io mio libero, io amo la vita, io sento la pioggia, io mangio quello che mi praprara mia nonna, io rido con gli amici, io osservo il cielo, io mi spoglio del superfluo, io parlo la mia lingua madre senza vergogna.....
io, io, io, e quando sto così percepisco me bello, percepisco il mio ambiente bello.
Ogni domanda posta ad i ragazzi riportava a loro, quasi una provocazione per l'arte, quasi una distruzione della ricerca estetica, una ripartenza da se per se da portare con un forte innocente entusiasmo in giro per il mondo, anche solo per un momento.

Prtecipano all'evento:
Corsi adolescenti Scuola di Danza Compagnia Era Acquario.
Scuola Newton
Ragazzi Centro Giovani Federale.
Si ringrazia Teatro delle Briciole, AUSL, Centro Giovani Federale.

Meeting Adolescenti 2017

LITURGIA PER HILDEGARDA STUDIO I (II) – 18 MARZO MONASTERO DI BETANIA ORE 21.00

Hilde

Liturgia per Hildegarda I (II)[/caption]

Studio I (II)

La Drammaturgia della Parola

monologo per attrice e musicista

progetto

Ilaria Gerbella e Patrizia Mattioli

Voce e azione scenica

Loredana Scianna

Musiche originali eseguite dal vivo

Patrizia Mattioli

Testo e regia

Ilaria Gerbella

Coproduzione Associazione Ascolto | eUROPA tEATRI

Rassegna Auris Comune di Noceto

Hildegarda di Bingen (1098- 1179) religiosa Benedettina, mente straordinaria per forza e energia, scrisse moltissimo e in base alle sue opere può essere considerata profeta, poetessa, drammaturga, musicista, esperta in fisica e in morale politica.

Con la sua profonda sensibilità sapienziale e profetica fissa lo sguardo sull’evento della rivelazione, ma è attraverso la sua cosmologia che ella arriva ad interpretare tutta la vita come un’armonia, l’universo intero per lei è formato da un’unica e sublime sinfonia.

Il suo linguaggio è caratterizzato da uno stile originale ed efficace, ella ricorre volentieri ad espressioni poetiche dalla forte carica simbolica, con folgoranti intuizioni, incisive analogie e suggestive metafore.

Il procedere organico tra la stesura del testo drammaturgico e la composizione della sequenza musicale elettroacustica, permette un lavoro d’improvvisazione scenica tra le forme espressive: parola/gesto, voce/suono, così da porsi in una condizione d’ascolto e abbandono attivo che consente l’accadere delle cose.

Ingresso gratuito

per info: eUROPA tEATRI- via Oradour, 14 - Parma

tel 0521 243377 - cell. 340 8060091 - 393 0013767

https://www.facebook.com/events/1105503679596205/

https://www.facebook.com/liturgia.ildegarda/

https://soundcloud.com/patriziamattioli/hildegarda-i

https://www.youtube.com/watch?v=euwUM4jOc3Q&t=5s

IMPROVVISAMENTE ALICE – EUROPA TEATRI 20/21 GENNAIO

IMPROVVISAMENTE ALICE
Regia in collaborazione con Franca Tragni
Luci di Lucia Manghi
Musiche e suoni di Patrizia Mattioli
Registrazioni a cura di Caffettino Area
con le voci di Leonardo Bianconi, Aurelia Cipollini e Leo Ventura
in coproduzione con Europa Teatri
Foto di Andrea Cantini e layout di Enrica Getnashi (comunemente chiamata Enrica Bernini)
Scritto e interpretato da Giulia Canali
Spettacolo teatrale liberamente ispirato a "Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie" di Lewis Carroll
Dedicato a Giacomino Reverberi il "Grande vecchio dell'aquilonismo italiano"

Camilla è un'ipotetica ragazza che per una scommessa si mette in viaggio ma un imprevisto la ferma in un'ipotetica stazione. Improvvisamente il suono della noia accende un ricordo.
Un ricordo lontano, forse mai vissuto, forse raccontato o forse solo un sogno?
Tutto improvvisamente accade.
Ti ritrovi a inseguire un Coniglio Bianco, a parlare del tempo con il Cappellaio Matto, a chiedere informazioni a un Gatto e a scappare da una Regina che taglia teste.
Alla ricerca di chi sei.
https://www.facebook.com/caffettinoarea/videos/1315167255210516/?pnref=storyhttp://parma.repubblica.it/agenda/day/2017/01/20/0/improvvisamente-alice/2989911?where=PR&time=2017-01-20T211500
15697175_1505080252853274_2680019045879089205_n


LE 12 NOTTI – 22 DICEMBRE EUROPA TEATRI ORE 21.15

teatro_locandina_12notti

mATERIE pRIME I cREAZIONI
LABORATORI IN TEATRO
LABORATORIO II LIVELLO TEATRO I MUSICA
a cura di Ilaria Gerbella e Patrizia Mattioli
LE 12 NOTTI
Liberamente ispirato a La dodicesima notte di W. Shakespeare
Di e Con : Manuela Ferrari - Federica Fornari - Andrea Friggeri - Michele Gianferrari - Federica Mori - Monica Munno - Paola Noberini - Cosimo Urso - Antonio Zaccagnino - Giorgia Zanella
Musiche Ensemble Barocco Le Vipere Gentili :
Federica Catania - Violino -Sarah Pelosi - Violino -Elena Bacchini - Viola da Gamba - Patrizia Mattioli Live Electronics - Disegno Luci
Lucia Manghi e Ilaria Gerbella.
Locandina Federica Fornari
Se la musica è nutrimento all'amore, suonate ancora e ,
datemene in abbondanza così che, essendone saziato,
il mio appetito se ne ammali, e se ne muoia.
da La Dodicesima Notte di W. Shakespeare
Le Brevi pieces sono regia, drammaturgia mise en scene secondo una personale visione degli allievi del corso Laboratorio II livello Teatro Musica condotto da Ilaria Gerbella e Patrizia Mattioli .
Per le brevi pieces L'ensemble Barocco Le Vipere Gentili accompagnano in scena eseguendo e improvvisando dal vivo Musica canzoni, intrighi amorosi en travesti , video .
La follia percorre la commedia, come in un carnevale dove tutti sono trascinati in una danza di mascheramenti edi emozioni. Ritratti visionari delle dodici notti....

INFO e PRENOTAZIONI - Biglietto Unico 6,00 Euro
0521.243377 – europateatri.pr@gmail.com – www.europateatri.it – www.facebook.com/europateatri

Il Tempo delle Gonne – Sabato 3 Dicembre Teatro al Parco ore 21.00

Lucia Nicolussi Perego/MPIdeograms.

Progetto realizzato col contributo del Comune di Parma, in collaborazione con Teatro delle Briciole- Solares Fondazione delle Arti.

IL TEMPO DELLE GONNE
progetto per il 70° anniversario del primo voto delle donne in Italia

Idea drammaturgica e coreografie di Lucia Nicolussi Perego
Assistente alla drammaturgia Lara Bonvini.

Musiche originali e Live Eletronics eseguite da Patrizia Mattioli.

Ospiti della serata:
Chiara Montalbani (danza, composizione istantanea)
Francesca Gristenti, Lara Bonvini (voce)
Anna Kauber (video)

Allievi della scuola di danza Compagnia Era Acquario

Il 2 giugno 1946, le Donne furono chiamate al voto.
Erano tante, in fila, la scheda in una mano e nell’altra un bambino, la merenda, un panno da lavare, tutte in attesa del loro turno.
Erano tante, in fila, per la prima volta parte attiva e pensante della società.
Oggi, dopo 70 anni, ripercorriamo quei momenti con la consapevolezza di non poter e voler perdere le loro conquiste e la nostra identità di donne.

Settant`anni sono trascorsi da quando le donne hanno avuto per la prima volta in Italia accesso al voto. Settant`anni durante i quali si sono verificate trasformazioni capitali del loro ruolo all`interno della società, e di riflesso nelle loro personalità e nei modi di vivere, di rappresentarsi e auto-rappresentarsi.
Da contadine o casalinghe – comunque lavoratrici, ma sempre all`interno di un alveo famigliare di protezione maschile e paterna – a una situazione di apparente uguaglianza per quel che riguarda l`impiego, le responsabilità sociali, la presenza in politica.
Guardando questo percorso a ritroso viene però da chiedersi: a che prezzo?
Sembra che per accedere a tutto quanto era patrimonio esclusivamente maschile, la donna abbia dovuto alterarsi, mettere in ombra la propria natura, ammantarla di cinismo e arrivismo.

Il Tempo delle Gonne

Non Conosciamo Mai La Nostra Altezza – Lettura scenica in parole e musica – Sala P. Danese Lesignano de’ Bagni Ore 21.00

Sala P. DaneseLesignano de' Bagni Ore 21.00
Sala P. DaneseLesignano de' Bagni Ore 21.00

In occasione della Giornata Mondiale Contro la Violenza sulle Donne,
il Comune di Lesignano de' Bagni, in collaborazione con Associazione Culturale Ascolto, propone lo spettacolo teatrale

NON CONOSCIAMO MAI LA NOSTRA ALTEZZA
Lettura scenica in parole e musica
Voce Sandra Soncini - Franca Tragni
Musiche Originali eseguite dal vivo Patrizia Mattioli

Lo spettacolo tratta il tema della violenza sulle donne e del femminicidio ma anche sulla loro forza e resilienza, la loro eroicità tragica. I testi recitati sono tratti da Emily Dickinson “Non conosciamo mai la nostra Altezza”, “Carmen” dalla novella omonima di Prospero Mérimée (1845), Il Monologo di Franca Rame, la Desdemona di Shakespeare e la struggente testimonianza di Francesca Baleani.Questi testi citati sono solo una parte di una lettura scenica emozionante di un canto libero e doloroso.

non-conosciamo-mai-la-nostra-altezza